Ricerca

Ricerca

Lettere

Gioacchino Gesmundo

6 ottobre 1935

6 ottobre 1935: questa è una lettera che in controluce ma anche in alcuni passi direttamente riflette il senso di oppressione relativo al contesto politico; Gesmundo ha 27 anni (insegna come supplente al Regio liceo scientifico Cavour di Roma) e scrive alla sorella maggiore Isabella:

“Gli è che esse [le sue lettere di cui Isabella lamentava la scarsa affettuosità] sono testimonianza severa e sconfortante dell’inaridimento della mia anima. Ho voluto, da qualche tempo,dare il bando ai miei sentimentalismi,disperdere ogni illusione, rendere mute le voci che pur sono espressive della parte migliore di me. 

Leggi tutto...

Pietro Benedetti

11 aprile 1944

Ai miei cari figli, quando voi potrete forse leggere questo doloroso foglio, miei cari e amati figli, forse io non sarò più fra i vivi. […]

Amatevi l'un l'altro, miei cari, […] amate lo studio e il lavoro. Una vita onesta è il migliore ornamento di chi vive.

Dell'amore per l'umanità fate una religione e siate sempre solleciti verso il bisogno e le sofferenze dei vostri simili. Amate la libertà e ricordate che questo bene deve essere pagato con continui sacrifici e qualche volta con la vita. Una vita in schiavitù è meglio non viverla.

Leggi tutto...

CONTATTI

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.